Villa Torre de' Zurli

A sud del paese, lungo la roggia Molinara e la strada per Crema, sorge villa Torre de' Zurli.

Storia

Si tratta di un complesso sorto attorno ad una torre quattrocentesca, una delle tante (alcune ancora esistenti) fatte erigere a scopi di avvistamento e di difesa durante la breve signoria dei Benzoni. Venuta in possesso dalla famiglia Zurla, verosimilmente tra il 1569 ed il 1575, la torre divenne negli anni successivi parte architettonica integrante della villa fatta erigere dalla famiglia, che la detenne fino al 1895.

In quell'anno l'ultimo erede, Adalberto, lasciò la proprietà al nipote Emilio, figlio della sorella Teresa, coniugata Gritti-Morlacchi.

Emilio potenziò l'attività agricola e fece erigere il corpo settentrionale conferendo alla villa una pianta a L. Ad unione dei due corpi il conte volle anche un'elegante loggetta d'ingresso e uno scalone elicoidale di gusto neo-barocco.

Ereditata dalla figlia Bianca (sposata con Alberto Zanoletti), la villa fu venduta verso la fine degli anni settanta e i nuovi proprietari ne ricavarono un'esposizione e vendita di mobili (non senza qualche danno); infine, è pervenuta alla famiglia Poletti che ne ha attuato un restauro negli anni 1995/1997,

Caratteristiche

La villa non è visitabile, ma se ne può godere la vista dalla pista ciclabile che unisce Pianengo a Crema.

L'ingresso dalla strada, in stile rococò e affiancato da una chiesetta settecentesca dedicata all'Immacolata, di gusto barocco, a pianta quadrata, slanciata in altezza e dotata di piccolo campanile,

Oltre l'ingresso la villa presenta forme semplici con paraste angolari e fasce a bugnato; la loggetta neo-rococò ha una fronte concava con archi sorretti da colonne binate e capitello composito.

La torre, totalmente in mattone a vista, è a pianta rettangolare nel cui paramento murario aprono sei finestrelle (ripristinate dopo il restauro 1995/1997); la costruzione termina con una cornice con dentelli e merli ghibellini.

A nord della villa, verso il paese, alcune statue sono l'unica traccia di una vasto giardino ora scomparso.

 Ultimo aggiornamento: 16/03/2019
L'ala nord e la chiesetta
L'ala nord e la chiesetta.
Vista del complesso da sud
Vista del complesso da sud.
La torre del XV secolo.
La torre del XV secolo.

Tre freccie che si rincorrono a formare un triangolo, simbolo della raccolta differenziata
Raccolta differenziata
Scopri come si differenziano i rifiuti domestici e quali vanno portati in discarica. Oppure scarica la versione pdf del calendarifiuti.

Sacchi per la raccolta differenziata
La piazzola ecologica
Quando è aperta la piazzola ecologica?

Due frecce che si rincorrono
Centro del riuso
Una pagina informativa ti spiega come accedere e usufruire del servizio.

Una macchina spazzatrice
Spazzamento strade
Consulta le date nelle quali vanno tenute libere le strade per il servizio di spazzamento.

torna all'inizio del contenuto