Profilio istituzionale della parrocchia di Santa Maria in Silvis

La prima attestazione di un insediamento religioso a Pianengo risale al secolo XIV, quando nel 1385 la chiesa di Pianengo era soggetta alla pieve di Fornovo nella diocesi di Cremona (Liber 1385).

Nel 1425 fu eretto a Pianengo un convento di frati francescani con chiesa conventuale di Santa Maria.

Nei secoli XV e XVI Pianengo venne compreso nella parrocchia di San Pietro di Crema.

Durante il riordinamento delle strutture ecclesiastiche del Cremasco dopo l’erezione della diocesi, nel 1583 il visitatore apostolico Girolamo Regazzoni distaccò Pianengo dalla parrocchia di San Pietro a Crema e affidò la cura d’anime come vicaria perpetua ai frati francescani minori dell’Osservanza che officiavano nella chiesa di Santa Maria in Silvis, decreto sancito dalla bolla di Sisto V del 10 giugno 1585 che auspicava l’erezione della parrocchia.

Nel 1583 furono inoltre visitate dal visitatore apostolico Girolamo Regazzoni, oltre alla chiesa e convento dei Minori Osservanti di Santa Maria in Silvis, gli oratori di San Bassiano e di Santa Maria ad Nives, poi demolito nel 1850.

Alla prima suddivisione in vicariati della diocesi di Crema nel 1583, la chiesa di Pianengo fu compresa nel vicariato di Castel Gabbiano; nel secolo successivo la vicaria perpetua di Pianengo appartenne al vicariato di Quintano.

Nel 1665 il vescovo di Crema Antonio Badoer tolse la cura d’anime ai francescani ordinando di erigere una nuova chiesa parrocchiale e affidando la cura d’anime al clero secolare che officiava nell’oratorio di Santa Maria ad Nives; la comunità di Pianengo però rifiutò di obbedire all’ordinanza vescovile; l’anno successivo i francescani riconobbero alcuni diritti dell’ordinario diocesano, che riaffidò loro la cura d’anime in Santa Maria in Silvis.

Nel 1658 fu eretto l’oratorio della Madonna del Rosario, benedetto nel 1742 e demolito nel corso dell’XIX secolo; nel 1709 fu eretto l’oratorio della Santa Croce, poi demolito nel 1910; nel 1738 fu edificato l’oratorio della Vergine Immacolata.

Nel 1752 la popolazione di Pianengo ammontava a 1.073 anime (Status animarum diocesi di Crema, 1751-1752). La cura d’anime venne prestata dalla vicaria perpetua dei francescani di Santa Maria sino alla loro soppressione il 7 settembre 1769; la chiesa di Santa Maria in Silvis passò al clero secolare e fu eretta in parrocchia con decreto del 30 dicembre 1772 del vescovo di Crema Marcantonio Lombardi, mantenendo il titolo di vicaria perpetua attestato nei decenni successivi. Nel 1772 il beneficio del parroco di Pianengo ammontava a 250 pertiche di terreno.

Nel 1822 la rendita del beneficio parrocchiale in valuta italiana ammontava a 2044.16; la parrocchia contava 1372 anime (Stato parrocchie diocesi di Crema, 1822).

La parrocchia di Pianengo fu compresa nel secolo XVIII nel vicariato di Castel Gabbiano e nei secoli XIX e XX nel vicariato di Sergnano.

Nel 1834 nella parrocchia fu nuovamente istituita la confraternita del Santissimo Sacramento . Con la revisione delle strutture territoriali della diocesi attuata nel 1970 (decreto 25 gennaio 1970), la parrocchia di Pianengo è stata inclusa nella zona pastorale nord.

Bibliografia

 Ultimo aggiornamento: 17/01/2019

Raccolta differenziata
Raccolta differenziata
Scopri come si differenziano i rifiuti domestici e quali vanno portati in discarica. Oppure scarica la versione pdf del calendarifiuti.

Raccolta differenziata
La piazzola ecologica
Quando è aperta la piazzola ecologica?

Centro del riuso
Centro del riuso
Una pagina informativa ti spiega come accedere e usufruire del servizio.

Spazzamento strade
Spazzamento strade
Consulta le date nelle quali vanno tenute libere le strade per il servizio di spazzamento.

torna all'inizio del contenuto